Venerdì, 20 Settembre 2019

Login Form

Una proposta per rendere sinergici i salvataggi bancari rispetto alle esigenze del Paese

Sommario

 *  *  *

  1. Un tentativo di valutazione dei salvataggi bancari: chi ci ha guadagnato e chi ci ha perduto.
  2. Partendo dalla conclusione di cui al punto 1., è ancora possibile un recupero per il «sistema Italia»?
  3. Alcune ipotesi per dare un po’ di linfa vitale ad un Paese in triste declino.

*  *  *

 

  1. Un tentativo di valutazione dei salvataggi bancari: chi ci ha guadagnato e chi ci ha perduto.

È doveroso, da parte mia, premettere che sono un fautore della “fallibilità” dell’impresa bancaria, poiché tale convincimento potrebbe influenzare lo svolgimento che seguirà. Tuttavia, non esporrò in questa sede le ragioni del citato pensiero, rinviando, chi ne avesse la curiosità, agli scritti segnalati in nota[1].

Leggi tutto: Una proposta per rendere sinergici i salvataggi bancari rispetto alle esigenze del Paese

Qualche riflessione sull’“impresa bancaria”

Sommario

  1. Dalla banca intermediatrice alla banca «impresa».
  2. Rischio d’impesa e tutela del risparmio.
  3. Dietro il paravento della tutela del risparmio, la protezione dal rischio d’impresa.
  4. Considerazioni conclusive.

*  *  *

 

  1. Dalla banca intermediatrice alla banca «impresa»

Quando, nell’altro secolo, studiavo all’Università tecnica bancaria, i Maestri dell’epoca insegnavano che la banca era l’unica azienda in grado di svolgere la propria attività pur non disponendo di capitale proprio.

Motivavano tale assunto con riferimento all’attività bancaria, quale intermediatrice tra i risparmiatori ed i prenditori di capitali per esigenze personali o delle imprese che gestivano. Quindi, il fulcro dell’equilibrio gestionale era la correlazione tra la raccolta del risparmio e l’impiego dello stesso, in quanto quest’ultima attività doveva essere esercitata con modalità e termini idonei a garantire sempre ai depositanti la possibilità di ritirare quanto affidato alla banca.

Leggi tutto: Qualche riflessione sull’“impresa bancaria”